Navigation Menu+

Produzioni

2014

A MODO MIO Omaggio a Lucio Dalla

Spettacolo di musica e danza

direzione artistica e coreografie Elisa Balugani e Veronica Sassi

Interpreti Compagnie MDdanza e BlakSoulz dancecrew

musica dal vivo Na Isna, Enrico Mescoli, Gianluca Magnani

Interpreti Compagnie MDDanza e BlakSoulz dancecrew

Coreografie, direzione artistica e regia Elisa Balugani e Veronica Sassi

Musica Live a cura di Marco Na Isna Lodi, Enrico Mescoli, Gianluca Magnani

Prima nazionale 18 dicembre 2013 Teatro Michelangelo Modena

 

TOUCH

Coreografie Michele Pogliani

Interpreti Compagnia MDdanza

HISTOIRES D’AMOUR

Io ti amerò finché l’oceano sia  ripiegato e steso ad asciugare,

e vadano le sette stelle urlando come oche in giro per il cielo.
(W.H. Auden)
direzione artistica e coreografie Veronica Sassi

Interperti Compagnia MDdanza

Prima nazionale 17 aprile 2014 Teatro Michelangelo Modena

2SEASONS

“ Alza alza natura il tuo stereo, moltiplica i tuoi cupi cavernosi altoparlanti,

tuoni e saette fischi grattamenti

di microfoni già spenti…”

 da “Stereo” di Andrea Zanzotto

direzione artistica coreografie Elisa Balugani

Interpreti BlakSoulz dancecrew

visual Marco Benisi

Prima nazionale 17 aprile 2014 Teatro Michelangelo Modena

 

 

2013

 

Ludi-forme. Testimonianze di gioco

L’uomo è pianamente tale solo quando gioca” perché si ritrova e si conosce: giocando, infatti, ogni individuo riesce a liberare la propria mente da contaminazioni esterne, quale può essere il giudizio altrui, e ha la possibilità di scaricare la propria istintualità ed emotività.

Ideazione, regia e coreografia Veronica Sassi, interpreti MDdanza. Debutta in prima nazionale il 12 aprile 2013 presso il Teatro Michelangelo di Modena. Un estratto della produzione ha ottenuto il primo posto al Concorso MantovaDanza nel maggio 2013. Lo spettacolo è selezionato per partecipare a Rassegne Corrispondenze 2012/2013.

 

Non è vero ma ci credo

Chiunque sa di vita non passerà mai sotto una scala sapendo che, con certezza, un vaso di fiori lo colpirà in verticale. Neppure continuerà il tragitto con l’auto (inversione subito!) nel caso incontrasse lui, il gatto nero. Che dire poi dello specchio rotto o del sale male sparso…..? L’uomo o la donna, se avveduti, ben sanno come ripararsi da tali sventure, da queste ferree inequivocabili leggi del destino. E gli scettici, per quanto pochi? E gli intellettuali, lì sempre a dubitare? Non sanno di macchiarsi di una “grave colpa”: la superstizione.

Ideazione, regia e coreografia Veronica Sassi, interpreti MDdanza. Debutta in prima nazionale il 12 aprile 2013 presso il Teatro Michelangelo di Modena.

 

Empatia

… Credo che nessuno ammetta davvero la reale esistenza di un’altra persona, ci sarà sempre un ineffabile elemento di differenza, uno scarto materializzato. Gli altri non sono per noi altro che paesaggio… Hanno tutti come me il futuro nel passato…” (Fernando Pessoa)

In una società dove la sete di conoscenza e la curiosità vengono a mancare e dove provare emozioni è considerato sintomo di debolezza è necessario ritrovare il proprio mondo interiore e allo stesso tempo la comunicazione con l’altro e la natura. E’ necessario ricordare come emozionarsi, comunicare, ascoltare l’altro.

Ideazione, regia e coreografia Elisa Balugani, interpreti Blaksoulz Dance Crew.

 

Momo 2.0

In città cominciano a comparire delle strane figure, uomini completamente vestiti di nero, dall’aspetto cinereo. Il loro scopo è quello di procacciarsi ciò che è necessario alla loro stessa sopravvivenza e cioè il Tempo. Basta un attimo di depressione e la porta del cuore umano è già aperta alla loro nera presenza. Tutti diventano freddi, aridi e grigi nella loro esistenza svuotata, al pari dei loro stessi Demoni Cacciatori, senza più tempo per nulla che non sia il lavoro. Nessuno è più veramente in grado di assaporare il gusto della vita, eccetto lei,  Momo.

Ideazione e coreografia Alessio Vanzini, che con un suo estratto ha ottenuto il terzo posto al concorso Ballet-ex 2012 e il primo posto al Concorso «Weekendinpalcoscenico» nel dicembre 2011 a Pinerolo. L’interno spettacolo, interpretato da MDdanza, è selezionato per partecipare a Rassegne Corrispondenze 2012/2013.

 

 

2012

 

The freedom of creation

The freedom of creation racconta il percorso dell’essere umano, in particolare della donna, attraverso le sue tappe fondamentali: la nascita, l’innamoramento, l’essere madre, la malattia e la morte. E’ un inno alla vita e a tutti i suoi aspetti, dalle difficoltà alle gioie. E’ malinconia e ironia. E’ tragedia e commedia. Si interroga sulle domande ‘da dove veniamo?’ e ‘dove andremo?’

“ There’s a chip in the celling a new Parliament bill that says ‘freedom of creation for our brilliant young’” (Rick Holland)

Coreografia Veronica Sassi, interpreti MDdanza. Un estratto della produzione ha ottenuto il primo posto al Concorso «Weekendinpalcoscenico» nel dicembre 2011 a Pinerolo. In scena nel Giugno 2012 a Pavullo nel Fringrano in occasione del Pavullo Festival Danza, presso La Rocca di Spilamberto in occasione della Notte Bianca e presso i Giardini Ducali di Modena in occasione della manifestazione Giardini d’Estate in collaborazione con ProgettArte Modena.

 

Welcometotheclub

Un mix di coreografia , freestyle ed energia accompagnato dai brani più attuali di commercial hip hop caratterizzano questa performance creata appositamente per le location inusuali e per la strada.

Coreografia Elisa Balugani, interpreti Blaksoulz Dance Crew. Lo spettacolo è andato in scena nel Luglio 2011 presso i Giardini Ducali di Modena in occasione della manifestazione Giardini d’Estate in collaborazione con ProgettArte Modena, è stato replicato in varie manifestazioni estive e nell’ottobre 2011 al Festival del racconto di Carpi.

 

Nulla

Liberamente ispirato a “Nulla” di Marcello Fois. “Che voi giovani non volete responsabilità; che perdi troppo tempo attorno alle scemenze; che dovresti uscire di casa, prendere aria, farti degli amici, avere la fidanzata; che almeno fossi come tuo fratello all’università con tutti trenta; che c’hai la testa piena di stupidaggini; che io ti ho fatto, io ti distruggo”. Nulla è una cittadina di provincia, ha confini brulicanti ed incerti. E’ un ammasso di periferie senza centri. A Nulla la noia è la madre del vizio, cugina dell’ozio, sorella della frustrazione. A Nulla le strade cambiano direzione di marcia con la velocità di un respiro. E non portano da nessuna parte. A Nulla pensare, anche semplicemente constatare, può diventare un azzardo. I sondaggi danno i crescita il numero di suicidi…

Una produzione di T come Teatro e ModenaDanza in collaborazione con Scuola di danza LaCapriola, da un’idea di Elisa Balugani e Veronica Sassi che ne curano la drammaturgia, la regia e le coreografie, con musiche originali di Marco Na Isna Lodi e Enrico Pasini, lo spettacolo debutta in prima nazionale il 20 Aprile 2011 al Teatro Comunale Carpi, interpreti le compagnie emergenti della scuola di danza LaCapriola BlakSoulz Dance Crew e MDdanza.

 

 

2011

 

Sono nata il 21 a primavera

Pare che i malati di Alzheimer riescano a memorizzare testi musicali sorprendentemente con una intensità maggiore rispetto ad persona anziana sana. Le persone affette dal morbo di Alzheimer perdono progressivamente la propria personalità. Ma c’è differenza tra l’aver dimenticato e il non ricordare poiché la memoria contiene i dettagli ma non l’insieme.

Coreografia Veronica Sassi, interpreti MDdanza. Ha debuttato nel maggio 2011 al festival MantovaDanza 2011, è stato replicato nel Luglio 2011 presso i Giardini Ducali di Modena in occasione della manifestazione Giardini d’Estate in collaborazione con ProgettArte Modena e al Galà di apertura del Festival di danza e arti visive Dance Immersion 2011. Un estratto della produzione ha ottenuto il terzo posto al Concorso internazionale «DanzaSì Non Solo Jazz» nel settembre 2011 a Roma, al Concorso Internazionale «Città di Rieti» nel maggio 2011, aggiudicandosi anche una menzione speciale, e al concorso Areadanza di Livorno nel febbraio 2011. Lo spettacolo è selezionato per partecipare a Rassegne Corrispondenze 2011/2012 e per “Un ponte sul futuro” festival di danza contemporanea dedicato alle nuove compagnie non sovvenzionate e ai coreografi emergenti svoltasi il 29 aprile 2012 al Teatro Olimpico di Roma.

 

outsidethebox(?)

“Il nostro è un mondo di freaks ovvero di creature mostruose ai limiti dell’accettabile. Raccontiamo i sogni dei diversi come spettri di realtà. I nostri mostri sono creature immaginarie e metaforiche. Hanno l’aspetto degli incubi che da bambini costellavano le notti di paura. Potrebbero essere i bambini che eravamo o che siamo stati. In apertura i personaggi ci appaiono incasellati dallo sguardo della gente. Alla fine, attraverso un ribaltamento prospettico, potrebbe essere La Gente ad avere la testa in una scatola (inside the box) o il pubblico stesso a ritrovarsi oggetto di giudizio.  Chi può dirsi realmente fuori dalla scatola?”

Una produzione di T come Teatro e ModenaDanza in collaborazione con Scuola di danza LaCapriola, da un’idea di Elisa Balugani, Gaia Davolio e Elisa Meschiari che ne curano la drammaturgia e la regia, lo spettacolo debutta in prima nazionale il 29 Aprile 2011 al Teatro Comunale Carpi, interpreti  le compagnie emergenti della scuola di danza LaCapriola BlakSoulz Dance Crew e MDdanza, coreografie di Elisa Balugani e Veronica Sassi.  Lo spettacolo è stato recentemente selezionato al festival Hangartfest 2011, festival indipendente della scena contemporanea, alla sua VIII edizione svoltasi a Pesaro.

 

Luminoso scrutare

Come reagirebbe il genere umano ad un cambiamento radicale in grado di sconvolgere le attuali condizioni di vita sul pianeta? E come si pone oggi, la stessa umanità, di fronte ai preoccupati rapporti sulla salute della Terra disegnati da alcuni tra i più autorevoli esponenti della ricerca scientifica, i quali sembrano condannarci davvero a fronteggiare catastrofi, qualora non ci si dedicasse con tutte le forze ad adottare uno stile di vita più sostenibile?

Percorso multimediale di danza, musica e teatro che debutta nel novembre 2011 presso il Palazzo dei Pio a Carpi (MO) nell’ambito del Festival Ctrl+C. Coreografie Elisa Balugani e Veronica Sassi. Musica dal vivo Marco Na Isna Lodi, Enrico Pasini. Attrice Gaia Davolio.

 

 

2010

 

Il fuoco d’hanifa

Hanifa, Anna, Neda, Suad…tante storie che si intrecciano vorticosamente tra Iran, Afghanistan, Palestina, Cecenia, Saharawi e che raccontano di donne che pagano a caro prezzo la loro voglia di dire quello che pensano, che credono, che vedono. Noi le ascoltiamo, vivendo con loro i drammi di queste donne fiere, coraggiose e che non hanno paura di niente…perché hanno paura di tutto.

Spettacolo teatrale di Francesco Zarzana, presidente dell’Associazione ProgettArte e di Silvia Resta, giornalista de La7, con coreografie di Elisa Balugani, interpretato dalle compagnie BlakSoulz Dance Crew e MDdanza. Lo spettacolo ha debuttato durante la Rassegna di Teatro e Danza TcomeTeatro ed è stato selezionato nel maggio 2010 per il Festival Internazionale MigrAction di Parigi.

 

 

2009

 

MU. la danza, il sogno, le ombre

MU vede protagonista chi guarda, chi ascolta, chi sogna: “non è un viaggio semplice, nessuno vi prenderà per mano o indicherà la strada giusta, l’unica cosa che avete è la vostra coscienza e questa mappa per perdersi o trovarsi….” MU è una storia che narra un conflitto interiore e una scelta che porterà l’esistenza di un dormiente ad aprire la porta del proprio destino; il resto è lasciato all’interpretazione personale. MU è un punto di arrivo per sognatori che sanno nuotare senza rotte né bussole…

Ideato da Likeashadow? con musiche originali dal vivo e coreografie di Elisa Balugani e Veronica Sassi, Mu è uno spettacolo di danza, interpretato dalle compagnie BlakSoulz Dance Crew e MDdanza, musica dal vivo e video art, realizzato in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Culturali e Giovanili del Comune di Carpi nell’ambito del Festival Ctrl+C, presso il Teatro Comunale di Carpi nel Dicembre 2009. Ha debuttato nel Luglio 2009 presso i Giardini Ducali di Modena in occasione della manifestazione Giardini d’Estate in collaborazione con ProgettArte Modena.

 

 

2008

 

Xero

Xero è uno spettacolo multimediale liberamente ispirato alle opere dello scrittore J. Ballard e al suo nuovo modo di scrivere fantascienza, con l’intento di affrontare le tematiche più attuali come il rapporto tra l’uomo e lo spazio, la tecnologia, il corpo, i mass-media: tematiche sottolineate dall’impatto con le immagini proiettate, dai suoni musicalmente ricercati e creati dai danzatori quasi a scandire un proprio ritmo e riempire anche il silenzio tra un suono e l’altro dando un personale ed interiore significato.

Xero debutta presso il Teatro delle Passioni di Modena il 24 e 25 Maggio 2008. Ideato e diretto da Elisa Balugani, che ne cura le coreografie, è interpretato dalla compagnia BlakSoulz Dance Crew. Musiche originali di Enrico Pasini, visual e progetto grafico Marino Neri.

 

 

2006

 

Il percorso

E’ la storia di una vita, del suo trascorrere…E’ evoluzione, è divenire. Incontriamo persone, o ci scontriamo con loro, persone che ci accompagnano o solamente ci sfiorano lasciandoci un ricordo, un’intensa emozione…O solo indifferenza. Percorso può significare cercare di raggiungere una meta… O non raggiungerla mai, perché in fondo se l’evoluzione avesse una fine forse noi stessi saremmo finiti, chiusi, fermi. Il percorso è ciò che ci porta a capire quello che davvero conta per noi… Questo spettacolo è “il Percorso”, il nostro cammino in cui forse ognuno potrà trovare un po’ del suo…

Nato da un’idea di Elisa Balugani che ne ha curato e realizzato le coreografie, debutta presso il Teatro delle Passioni di Modena il 25 e 26 Marzo 2006, interpretato dalla compagnia BlakSoulz Dance Crew. Le musiche dello spettacolo sono di DJ Shadow, Alias, Dj Krush, Atmosphere, Prefuse; progetto e studio grafico di Marino Neri.